Fonti: ricerca archivistica

Agonismo: Squadra professionisti 1950/1951

Se la Taurea merita di essere ricordata come uno dei più interessanti marchi di biciclette italiani a cavallo degli anni ‘40 e ’50, è sicuramente per il talento del costruttore torinese che si occupò della progettazione di tutti i modelli, il maestro Giuseppe Pelà.

Non ci sono certezze sulla data di apertura e di chiusura dell’azienda, ci sono testimonianze di Taurea degli anni ‘30 ma dato che non è stato possibile visionarle dal vero o in fotografia al momento non vengono prese in considerazione in questa ricerca.
Per la data di fondazione si fa fede all’atto di deposito del marchio avvenuto nel febbraio del 1947. Pare che non siano stati ritrovati cicli Taurea databili oltre il 1952, è quindi possibile che intorno a questa data l’azienda abbia cessato l’attività.
Come detto a dirigere la progettazione e la costruzione dei telai l’azienda torinese chiamò Giuseppe Pelà, in quegli anni ancora nella prima fase della sua formidabile carriera di telaista e già molto conosciuto e impegnato a Torino sia con la collaborazione in Benotto che con la co-fondazione della Edelweiss.
Dalla qualità delle biciclette recuperate risulta evidente che Pelà alla Taurea riuscì ad esprimere al meglio le sue doti di designer e costruttore, realizzando telai raffinati con caratteristiche tecniche originali e innovative per l’epoca. Pelà costruì direttamente i telai del modello corsa, lasciando il resto della produzione al team di operai Taurea ma sempre sotto il suo controllo e direzione.

Sempre ad altissimo livello anche lo sforzo dell’azienda nel campo agonistico attraverso la creazione della squadra professionisti e la partecipazione ai Giri d’Italia del 1950 e 1951 (a quel tempo solo 15 marchi potevano permetterselo).

Il marchio “Taurea R.L.” fu depositato per la prima volta il 20 febbraio 1947 presso l’Ufficio commerciale e dell’Industria di Torino. L’indirizzo di via Vassalli Fendi 32 viene cambiato in Via delle Orfane 2 in un secondo atto effettuato ad un solo mese di distanza.
Il primo documento fu effettuato per deroga attraverso un mandatario mentre il secondo è firmato direttamente da un amministratore dell’azienda e il nome “Taurea” cambia in “Taurea società per costruzioni meccaniche”. Sempre nel secondo documento scompare “automobili” tra le categorie commerciali sostituita da “tubi in acciaio”, le categorie definitive diventano quindi: tubi in acciaio, velocipedi, motocicli, pneumatici e selleria, macchine ed apparecchi diversi e loro parti.

Il primo atto di deposito del nome e del marchio L.R. Taurea. 20 febbraio 1947. Camera di Commercio di Torino.

1949
SACCHI Marino

1950
Dir. Carlo Graglia
ASTRUA Giancarlo
FONDELLI Ugo
FRANCHI Franco
MAGGINIa Sergio
MARTINI Alfredo
ROSSELLO Vincenzo
ROSSELLO Vittorio

1951
ASTRUA Giancarlo
BARONI Mario
CONTERNO Angelo
FONDELLI Ugo
MARTINI Alfredo
PETRUCCI Loretto
PONSIN Orfeo
ROSSELLO Vincenzo
ROSSELLO Vittorio

DETTAGLI TELAI TAUREA

Fin dai primi esemplari del 1947 è evidente lo stile di Pelà nel design dei modelli da corsa e sportivi. Sono questi probabilmente gli anni in cui la creatività del maestro telaista raggiunge il massimo livello della sua lunga carriera e nonostante sia ancora giovane, a quasi 25 anni prima del suo ritiro, la qualità del disegno e delle finiture esprimono una notevole originalità e maturità tecnica. Dai dettagli visibili sulle biciclette ritrovate sembra probabile che solo una parte dei telai corsa furono costruiti direttamente da Pelà, mentre il resto della produzione era affidata alla squadra di operai Taurea sotto il suo rigido controllo.

Caratteristiche design telaio:
1 – Testa forcella “Pelà” con riga e pallino per i telai corsa e solo riga per il modello sport e turismo.
2 – Passacavi sul tubo orizzontale dal 1947, soluzione sicuramente innovativa a quei tempi. I passacavi sul tubo orizzontale sono posizionati in diagonale verso il basso, unica eccezione il modello del 1947 saldati a 90°. A partire dal 1951 vengono aggiunti anche i passacavi sul tubo diagonale.
3 – Congiunzioni con svuoti a forma di cuore (non su tutti i modellin e telai)
4 – Rinforzi sui foderi della forcella nei modelli corsa, assenti sui telai mezza corsa o sportivi. La forma del triangolo è già quella tipica di Pelà, ad eccezione del modello del 1947 dove i due triangoli hanno linee curve e uno svuoto circolare al centro.
5 – Personalizzazione estetica dei forcellini posteriori con 3 punte.
6 – Acciaio “Libellula” (visibile il marchio inciso sulla forcella di alcuni telai)

Componenti:
Personalizzati con il marchio Taurea, unica eccezione forse per la bicicletta C1.4210 da corsa databile 1947, ritrovata montata con componenti di qualità superiore e senza marcatura, forse perché destinata ad un corridore esigente o perché la personalizzazione dei componenti iniziò solo l’anno successivo. Guarnitura Gnutti (nelle 2 versioni fine ‘40 e primi ‘50), mozzi Campagnolo Gran Sport, pipa in ferro e piega in alluminio senza marca o Ambrosio, pinze e leve freni Balilla, sella Aquila, movimento centrale, collarino reggisella e serie sterzo Magistroni Super Corsa. Cambio Campagnolo Cambio Corsa per la fine degli anni ‘40, Parigi Roubaix e Simplex per i modelli dal 1950 al 1952. Pedali Sheffield o FOM.

TIMELINE EVOLUZIONE TELAIO TAUREA

  • 1947 Passacavi saldati a 90° sul lato sinistro del tubo orizzontale
  • 1947 Rinforzi foderi forcella con forma curva e svuoti circolari
  • 1947 Svuoto del nodo sella a forma di triangolo
  • 1949 Passacavi saldati sulla diagonale basse del lato sinistro del tubo orizzontale
  • 1949 Rinforzi foderi forcella di forma triangolare tipica di Pelà
  • 1950 Triangolo svuoto del nodo sella con due fori circolari ai vertici superiori
  • 1951 Vengono aggiunti anche i passacavi anche sul tubo diagonale
  • Forcellini:
    1947 al 1951 Campagnolo Cambio Corsa
    1950 Campagnolo Parigi Roubaix
    1951 Campagnolo primo tipo con vite da registro da 4m
    1951/52 Simplex Tour de France
    1952 Brev. Simplex Competition (Simplex Italia)

CONGUNZIONI

Molti dei telai Taurea, sia corsa che sport e turismo, sono arricchiti da eleganti svuoti sulle congiunzioni a forma di cuore.

PASSACAVI

A partire già dal 1947 sui telai Taurea sono saldati passacavi sul fianco del tubo orizzontale, dal 1949 in posizione diagonale più in basso e nel 1952 sotto al tubo.
Dal 1951 vengono aggiunti i passacavi su tubo diagonale, soluzione adottata nello stesso periodo da Pelà anche sui telai Girardengo.

FORCELLA

Tutti i telai corsa hanno la testa forcella tipica di Pelà con riga e pallino al centro (unica eccezione per il telaio C3 5341, ultima foto), solo una o due righe parallele per i modelli sport e turismo.
A partire dal 1949 i rinforzi dei foderi della forcella hanno la forma triangolare tipica di Pelà, leggermenti diversi quelli sui primi modelli del 1947 con una linea più curva e uno svuoto circolare al centro.

NODO SELLA E NUMERO SERIALE

Lo svuoto sul retro del nodo sella è di forma triangolare con il foro circolare largo sul vertice inferiore, riconoscibili i modelli costruiti a partire dal 1950 per il triangolo con 2 cerchi ai vertici superiori.

Tutti i telai Taurea erano marcati con numero seriale. La numerazione era sicuramente progressiva ma non ricalcava esattamente il numero di telai prodotti né la data di costruzione degli stessi.
Sicuramente la prima lettera indica il tipo di modello: C corsa, CC mezza corsa, CS Sport, S e SC Turismo. Il numero compreso tra la prima lettera e il punto (ad esempio “C1.C2.C7.” aumenta progressivamente nel tempo anche se non riflette l’anno esatto di produzione.
Attraverso l’analisi delle caratteristiche tecniche dei telai è stato comunque possibile associare (indicativamente) il seriale all’anno di creazione del telaio.
Per quanto riguarda i numeri che seguono dopo il punto (ad esempio C1.17784), sembra che fossero azzerati ogni volta che cambiava il numero prima del punto e potrebbero riferirsi al numero sequenziale di produzione di tutti i cicli (compresi i modelli donna e bambino), la produzione Taurea arrivava quindi a numeri vicini ai 20.000 cicli all’anno, contando ovviamente tutti i modelli.

Nonostante la notevole dimensione dell’azienda e la qualità dei prodotti, la produzione sembra non protrarsi oltre il 1952, non ci è dato sapere al momento se se la causa della chiusura dell’azienda fu legata a criticità finanziarie o di altra natura.

OLIATORI

Oliatore sempre presente sul lato destro della scatola del movimento centrale. In molti telai corsa, ma non in tutti, l’oliatore è installato anche sull’interno del tubo sterzo.

FORCELLINI

Altro particolare estetico applicato da Pelà ad alcuni telai Taurea, sono i 3 denti sulla curva dei forcellini posteriori.

1947 al 1951 Campagnolo Cambio Corsa
1950 Campagnolo Paris Roubaix
1951 Campagnolo primo tipo con vite da registro da 4m
1952 Simplex Tour de France
1952 Brev. Simplex Competition (Simplex Italia)

FREGIO E DECALS

Fregio in ottone con merli e cornice in bianco dal 1947 al 1950, dal 1950/51 iniziano a comparire quelli in metallo con merli e cornice in giallo negli anni successivi. Decals applicate ai tubi diagonale e verticale, fregio sul tubo sterzo.

COMPONENTI

A partire dal 1948/1949 molti componenti sono marcati Taurea: pinze freni, movimento centrale, fascetta stringisella, serie sterzo, attacco manubrio (in acciaio fino al 1951, Ambrosio alluminio dal 1952)

Montaggio di serie:
Guarnitura Gnutti (nelle 2 versioni fine ‘40 e primi ‘50), mozzi Campagnolo Gran Sport, pipa in ferro e piega in alluminio senza marca (Ambrosio alluminio nel 1952), pinze e leve freni Balilla, sella Aquila, movimento centrale, collarino reggisella e serie sterzo Magistroni Super Corsa. Cambio Campagnolo Cambio Corsa per la fine degli anni ‘40, Parigi Roubaix e Simplex per i modelli dal 1950 al 1952. Pedali Sheffield o FOM.


TAUREA C1.4210

Tipo: Corsa
Anno: 1947/48
Foto: Frameteller
Dettagli particolari:
– Alleggerimenti a forma circolare nei rinforzi della forcella
– Congiunzioni più corte e senza svuoti a forma di cuore
– Numero “0” sotto la scatola del movimento centrale e sul tubo della forcella
– Passacavi a metà del fianco del tubo orizzontale
– Mozzi Gran Sport marcati con la prima versione del logo (pre 1950)
– Coni dei mozzi marcati 1947

Ritrovata montata con componenti coevi non marcati Taurea:
Leve e pinze freni Universal 666, movimento centrale e serie sterzo Magistroni, pedali Sheffield, guarnitura Gnutti, cerchi Nisi primo tipo (logo con lettera “A” di forma appuntita)

Cambio: Campagnolo Cambio Corsa

Stato al momento del ritrovamento
– Vernice conservata, decals assenti
– Manubrio da passeggio
– Leve freni assenti
– Pedali assenti
– Pinze freni Universal 666
– Cambio Campagnolo “due leve” corsa
– Guarnitura Gnutti
– Movimento centrale Magistroni Nik Crom
– Serie sterzo Magistroni decagonale Nik Crom
– Ruote con mozzi Campagnolo GS primo tipo e cerchi Nisi Moncalieri primo tipo


TAUREA C1.8816

Tipo: Corsa
Anno: 1949
Stato: Conservata
Foto:
Paramanubrio

Cambio: Campagnolo Cambio Corsa (sostituito)
Forcellini: Campagnolo


TAUREA P1.13157

Tipo: Pista
Anno: 1949
Stato: Conservata
Foto:
Paramanubrio


TAUREA C1.17784

Tipo: Corsa
Anno: 1950
Stato: Conservata
Foto:
Paramanubrio

Cambio: Campagnolo Paris Roubaix
Forcellini: Campagnolo


TAUREA C3.4351

Tipo: Corsa
Anno: 1951
Stato: Conservata
Foto:
Santonastaso

Cambio: Simplex
Forcellini: Simplex?


TAUREA SC3.6932

Tipo: Turismo
Anno: 1951
Stato: Conservata

Cambio: Simplex TDF
Forcellini: Simplex?


TAUREA C3.880X

Tipo: Corsa
Anno: 1951
Stato: Conservata
Foto:
Paramanubrio

Cambio: Simplex TDF
Forcellini: Simplex Competition


TAUREA C4C.10563

Tipo: Mezza corsa
Anno: 1952
Stato: Conservata
Foto:
Papero

Cambio: Campagnolo Cambio Corsa
Forcellini: Campagnolo


TAUREA C5.8822

Tipo: Corsa
Anno: 1952
Stato: Conservata
Foto:
Pablo D’Agostino

Cambio: Campagnolo Cambio Corsa
Forcellini: Simplex Tour de France

TAUREA C7S.7734

Tipo: Mezza corsa
Anno: 1947
Stato: Conservato
Foto: Papero

Forcellini: Campagnolo Cambio Corsa
Cambio:
Campagnolo Cambio Corsa