Paletti Meteor 1986

Paletti Meteor 1985/86
Condition: Preserved
Framebuilder: Unknow
Frame design patent: Paletti, Dosi
Paintwork: Mario Martini
Frame number: 746
Frame/Fork: Oria Molibdeno Mannesmann, Paletti Patent
Group: Campagnolo Super Record
Ph. Frameteller


Paletti prototype 1980

Paletti Luciano prototype 1980
Condition: Preserved
Framebuilder: Luciano Paletti / Modena
Group: Campagnolo Record
Rims: Campagnolo Shamal
Saddle: Selle Italia
Ph. Frameteller


Note: details on this unique prototype in Paletti's bio.



Paletti PMZ '80

Paletti PMZ Lighting 1980
Condition: Preserved
Framebuilder: Luciano Paletti, Mattioli, Zanasi
Frame number: /
Frame/Fork: Columbus SL
Lugs: /
Group: Campagnolo Super Record
Saddle: Cinelli Unicanitor
Handebar/Stem: 3TTT
Rims: Mavic GP4
Ph. Frameteller

         


Virginia '85

Virginia Specialissima 1985
Condition: Preserved
Framebuilder: Orazio Grenzi
Frame number: /
Frame/Fork: Columbus SLX
Lugs: /
Group: Campagnolo Super Record
Saddle: Cinelli Unicanitor
Handebar/Stem:  Cinelli
Rims: Nisi
Ph. Frameteller

         


Virginia '82

Virginia 1982
Condition: Preserved
Framebuilder: Orazio Grenzi
Frame number: /
Frame/Fork: Columbus SL
Lugs: /
Group: Gipiemme Crono Sprint
Saddle: San Marco Gi-Lux
Handebar/Stem:  3TTT
Rims: Fiamme
Ph. Frameteller

       


Savigni De Rosa '72

Savigni Super Corsa by De Rosa 1972
Condition: Preserved
Framebuilder: De Rosa
Frame number: /
Frame/Fork: Columbus SL
Lugs: /
Group: Campagnolo Nuovo Record
Saddle: Cinelli Unicanitor
Handebar/Stem:  Cinelli
Rims: Nisi
Ph. Frameteller

   


MESSORI

Fonti: Luca Campanale, Paolo Chiossi, Stefano Orlandi nipote di Messori

Lino Messori, lontano parente di quel Carlo Messori vincitore di titoli mondiali negli anni ’30 e marito di Alfonsina Strada ciclista e pioniera della parificazione fra i sessi, è nato a Modena il 24 febbraio del 1926, personaggio eclettico, artigiano estremamente abile, curioso e creativo, come gli “artisti-artigiani” del Rinascimento riuscì nella difficile arte della fusione di bellezza e funzionalità. Fin da giovanissimo era appassionato di bici e ciclismo e si impegnò come corridore dilettante fino all’avvento della guerra. Per almeno un ventennio, a partire dagli anni ’50 e fino ai ’70, il suo lavoro principale fu la gestione di una importante azienda di stampaggi aperta con altri soci nei primi anni ’50. Nonostante non fosse il suo lavoro primario riuscì comunque ad intraprendere, con risultati di alto livello, anche la professione di artigiano costruttore di telai da corsa, a quei tempi (e anche oggi) un lavoro decisamente impegnativo sia dal punto di vista fisico che tecnico.

Lino Messori con Ernesto Colnago

Le prime nozioni di costruttore Lino le apprese dal padre che costruiva biciclette da passeggio nel proprio negozio a Modena in via Livizzani, competenze che ampliò ai telai da corsa presso la sede milanese della Cinelli, dove spesso si recava per acquistare il materiale necessario all’officina. Nei primi anni ’50 il suo lavoro era già noto e apprezzato anche da ciclisti professionisti come Liberati, il campione ferrarese Attilio Lambertini, gregario di Bartali negli anni ’50, il modenese Walter Generati, capitano della Gloria (1940-42). Il tavolo di riscontro dell’officina fu realizzato trasformando un tavolo in acciaio della Panini che serviva per mischiare e imbustare le famose figurine, Lino si unì in matrimonio con la figlia di Panini, per il quale costruì anche una bicicletta.
Grazie agli introiti della propria azienda potè gestire questo secondo lavoro senza i limiti di tempo imposti dai margini di profitto. Ad ogni fase di lavorazione di ogni singolo telaio, dall’ideazione, all’applicazione delle decals, potè dedicare molto tempo e lavoro, a volte anche 7 giorni, fino ad arrivare alla massima perfezione. Nell’arco della sua intera carriera di costruttore realizzò solo 120 telai, tutti pezzi unici e originali. Oltre alle estrema qualità e originalità delle sue bici, una delle caratteristiche estetiche e funzionali che distinguevano tutti i telai Messori era la cromatura sotto alla vernice impiegata per preservare il telaio dall’ossidazione. Costruì telai anche per altri marchi del modenese come Luciano Paletti.

Alla fine degli anni ’70 Messori vendette l’azienda e si tornò a concentrarsi di nuovo a tempo pieno sulle biciclette riaprendo un negozio in via Ventimiglia. Fu in quel periodo che, attraverso l’amico Corradi, agente e organizzatore di corse ciclistiche, entrò in contatto con Ernesto Colnago per il quale diventò poi rivenditore. Durante una visita di lavoro nella “Boutique”, così Messori battezza la propria officina di 160mq in centro a Modena, Colnago apprezzò la qualità dei suoi telai e decise di commissionargli alcune lavorazioni complesse come la piegatura dei piantoni per le bici da crono, operazione che all’epoca in pochi erano in grado di eseguire a mano con precisione e senza difetti. Sempre per Colnago realizzò due telai interamente in titanio, forcellini compresi. Nei primi anni ’80 sperimentò la saldatura a TIG e realizzò un carro posteriore con il fodero destro in posizione leggermente asimmetrica per poter mantenere la campanatura della ruota e renderla così più resistente alle forti sollecitazioni.
La collaborazione proseguì con reciproca soddisfazione per diversi anni, Messori fu anche l’ispiratore del concept per la forcella “Precisa” prodotta da Colnago, il quale non perse mai occasione per dimostrargli sincero rispetto e ammirazione per l’artigiano modenese.
Uno delle bici più originali Messori fu sicuramente il modello “Forata” che, su commissione di Ernesto, venne creata come “scultura” per attirare il pubblico negli stand Colnago alla fiera di Milano. Il problema fu che il telaio, così originale e affascinante “rubava” tutta l’attenzione a scapito dei modelli Colnago, ironia della sorte, a Messori fu quindi chiesto di rimuoverla per eccesso di ammirazione. La tenuta dei tubi nonostante i fori così ampi, fu possibile grazie al particolare filo di acciaio da 8mm saldato intorno alle aperture per irrigidire l’area.

A testimonianza della sua attitudine eclettica, oltre alla carriera di imprenditore e di costruttori di bici si è impegnato nella boxe e nel canto, accompagnando anche il maestro Luciano Pavarotti in diverse tournèe nel mondo, ha costruito chitarre in metallo di una in ottone e ha scritto diversi racconti e poesie pubblicati sia in dialetto modenese che in italiano.

Lino ci ha lasciati nel 2015, ma alcuni dei suoi attrezzi continuano a vivere nell’officina pugliese di Gabriele Ardito.

Messori strada anni ’80, modello “forata”

Messori anni ’80, modello “forata”

Galmozzi anni ’40, conservata.

Messori strada con carro posteriore asimmetrico brevettato.
Lo spostamento del pendente posteriore orizzontale permette il campamento del ruota in modo simmetrico.
Foto Stefano Orlandi

Messori strada anni ’80 con tubo piantone sagomato

1961, Bartali Squadra S. Pellegrino telaio Galmozzi, conservata.

1966, Galmozzi Super Competizione, conservata.

Prototipo Messori realizzato in collaborazione con Conago.
L’intero telaio è in Titanio compresi i forcellini forniti da Colnago.
Ne furono costruiti solo due esemplari, uno marcato messori e l’altro Colnago.
Foto Stefano Orlandi

Messori strada anni ’80, con forcella reversa / Foto Stefano Camellini

Messori strada anni ’80, con forcella reversa

Lino Messori - Alla velocità del cuore / At the speed of heart

Lino Messori said of himself “I am nobody, but I did a bit of everything”. Born in 1926, in Modena, Italy, Lino quickly became a local fixture both for his incomparable skills and his personality. A master frame builder who also followed a myriad of different passions, spanning from singing with opera legend Luciano Pavarotti to never losing a single boxing match.
Lino Messori made 150 bespoke bikes over the span of his career, many of which were very special for the time and still today.
Film by Luca Campanale. Inspired by Paolo Chiossi. In collaboration with Davide Fonda, Marco Brandoli, Pongo Films and Plus NYC. Music By: Possimiste, Assif Tsahar, Peter Kowald & Rashied Ali.

"Io non sono nessuno, ma ho fatto di tutto"

— Lino Messori


PALETTI

 

Cicli Paletti / Biciclette su misura / Modena, Italia / 1971 - In attività


Fonti: intervista a Michele e Giuliana Paletti


Ha collaborato con: De Rosa / Savigni / Marastoni / Dosi / Grenzi-Virginia  / Giuseppe Pelà


Hanno corso con bici Paletti: Michele Paletti: campione italiano Juniores e Allievi, Mapei - Tour de France, nazionale italiana. /  Riccardo Riccò campione italiano Juniores / Claudio Vandelli, Oro olimpico, cronometro a squadre, Los Angeles


Brevetti: Leve del cambio al tubo con fili interni al telaio / Deragliatore anteriore regolabile fissato al telaio / Tubi sagomati Oria / Prototipazione telai


Foto: Gianni Mazzotta


Ci sono persone che attraverso immaginazione e sensibilità creativa riescono ad vedere il futuro e a dargli forma con le proprie mani, Luciano Paletti, artigiano del modenese, nel corso della sua carriera di meccanico ha disegnato, realizzato e brevettato alcune rivoluzionarie innovazioni nella telaistica delle biciclette con almeno trent'anni di anticipo rispetto ai colossi internazionali.
Luciano nasce a Bondeno nel 1947, da giovane corre in bici fino alla categoria dilettanti, oltre allo sport in sé ad appassionarlo è anche la "macchina" bicicletta e il suo funzionamento, alla fine degli anni '60 lavora nelle botteghe di diversi artigiani del modenese tra le quali quella del telaista Orazio Grenzi dove, oltre alle fondamentali nozioni tecniche apprende anche lo spirito innovativo del maestro.

Luciano Paletti (a sinistra) / Foto Archivio Paletti

paletti al lavoro2

Luciano Paletti al lavoro nella sua officina / Foto Archivio Paletti

paletti al lavoro

Nel 1972 Grenzi accetta la proposta dall’imprenditore Eugenio Rampinelli (vedi Cobra&REG by Roto) di dirigere la 3T Tecnotelai di Bologna, vende quindi l’officina di Vaciglio (Modena) a Paletti, il quale poi per qualche anno marcherà i telai con la doppia firma Grenzi/Paletti. Lo scambio tra i due artigiani proseguirà anche negli anni a venire, è infatti proprio grazie al passaggio dell’attività che Paletti entra in contatto con il sig. Ognibene, l’ingegnere modenese che aveva collaborato con Grenzi nella realizzazione delle sue invenzioni e che sarà poi l’artefice della complessa ingegnerizzazione dei brevetti di Paletti alla fine fine anni '70.

La sera, dopo il lavoro, Luciano continua a sperimentare nella cantina di casa, dove costruisce la sua prima bici. Nel 1969 il meccanico Savigni di Castelnuovo lo accompagna a Milano per presentarlo a De Rosa, è qui, nell'officina milanese del grande artigiano che probabilmente Paletti decide cosa farà da grande, nei mesi successivi torna più volte nell'officina di De Rosa come aiutante per apprenderne il più possibile i segreti.

 

Bicicletta da strada Savigni con telaio De Rosa, 1970-71. / Foto Frameteller

De Rosa Savigni

Bici strada modello Gran Criterium firmata Virginia Paletti. I primi telai di Paletti riportavano
la doppia firma ed erano costruiti da Grenzi.
Congiunzioni Nervex, scatola movimento centrale Roto alleggerita.

Paletti strada 1972, una delle prime Specialissime di Luciano Paletti, è visibile nei dettagli
l'impronta del maestro Orazio Grenzi.
Tubi Columbus SL, Gruppo campagnolo alleggerito.
Catena, mozzi, serie sterzo e movimento centrale in titanio FT Bologna.
/ Foto Frameteller e Gianni Mazzotta.

La prima bici di Luciano Paletti, 1973.

_J0T9161

_J0T9163

_J0T9159

 Passacavi per guaina freno saldati a telaio e molle in lega.
Invenzione originale di  Orazio Grenzi ripresa presente anche nelle prime bici di Luciano Paletti / Foto Frameteller

Particolare passacavi a slitta. Design Luciano Paletti, 1973

cambio

deragliatore-paletti freni-paletti guarnitura-paletti2

scatola-paletti-super

Rivoluzione in tre atti.

Modena 1972, a pochi chilometri da Maranello e la Ferrari, Paletti apre la sua officina. In pochi anni acquisisce le nozioni necessarie per sperimentare nuove soluzioni migliorative nella telaistica e nella meccanica delle biciclette. A metà degli anni settanta, probabilmente stimolato anche dai tentativi dell'amico Licinio Marastoni, lavora ad una soluzione per fissare il deragliatore anteriore direttamente al telaio, nasce così il primo prototipo, elegante, funzionale, leggero e, a differenza di quelli realizzati da Marastoni, regolabile in altezza. Nel 1978 deposita l'invenzione all'Ufficio Brevetti, il primo vero attacco a saldare per deragliatore è ufficialmente realtà.

 

Attacco al telaio per deragliatore anteriore.
Brevetto Luciano Paletti, 1978 / Foto Gianni Mazzotta.

Attacco a saldare per deragliatore. Brevetto Luciano Paletti, 1978.

Il brevetto di Paletti del 1978 per l'attacco del deragliatore anteriore al telaio.

Il brevetto di Paletti del 1978 per l'attacco del deragliatore anteriore al telaio.

Evoluzione del deragliatore anteriore saldato al telaio
da sinistra a destra: brevetto Campagnolo a fascetta,  prototipo Grenzi, brevetto Paletti,
brevetto Campagnolo a saldare.

Nel 1980 altre due importantissime invenzioni di Paletti, coadiuvato dal brillante lavoro progettuale dell'ingegnere Ognibene di Modena conosciuto grazie a Grenzi, brevetta dei particolari comandi del cambio con i cavi interni al tubo diagonale, la sua attenzione si sposta poi ai freni e con trent'anni di anticipo progetta e realizza un sistema per inserirli all'interno del telaio della bici. I tre brevetti, caratterizzati per l'alto livello di innovazione, design e progetto ingegneristico, fanno in realtà parte di un unico e affascinante progetto: la bici completamente senza cavi a vista, dopo quattro anni di lavoro, 680 ore di ingegneria e un investimento di quasi 30 milioni di lire, nell'ottobre del 1981 il sogno diventa realtà e il prototipo verrà presentato ufficialmente al mercato nella fiera di Milano del 1983.

Manettini disegnati da Luciano Paletti con cavo interno al tubo.
Brevetto Luciano Paletti, 1980 / Foto Gianni Mazzotta.

I manettini Paletti con cavo interno al tubo. Brevetto del 1980. Foto Gianni Mazzotta.

Particolare del freno posteriore inserito nel telaio. Prototipo Paletti, unico esemplare esistente.
Brevetto del 1980 / Foto Frameteller Gianni Mazzotta per Frameteller.

Particolare del telaio di Paletti con i freni inseriti nel telaio.

Dettaglio del freno anteriore. Brevetto del 1980 / Foto Gianni Mazzotta per Frameteller.

Dettaglio del freno anteriore

Fiera di Milano, 1983.
Nella foto Giuliana Paletti con il primo prototipo brevettato di bici senza fili.
Foto archivio Paletti.

Milano, 1983. La Paletti presenta il primo prototipo brevettato di bici senza fili.

Michele paletti mostra il prototipo, oggi modificato con  comandi a manubrio
Foto Gianni Mazzotta per Frameteller.

Michele paletti mostra il prototipo di bicicletta senza fili

L'unico esemplare completo esistente con cavi invisibili di Luciano Paletti.

 Paletti Laser anni '80 con livrea di Mario Martini / Foto Loris Casolari

    

Paletti strada primi anni 70. Alleggerimento congiunzioni serie sterzo simile a quelle sei modelli Somec
dello stesso periodo. Perno freni e attacco deragliatore anteriore saldati al telaio
(come nei modelli di
Grenzi e Marastoni)

I primi telai di Paletti e Grenzi (Virginia) montavano spesso scatole del movimento centrale realizzate
da Giuseppe Pelà. Nella foto si notano inoltre le guide dei cavi dei deragliatori saldati al telaio,
riscontrabili nei telai di Marastoni degli stessi anni, 
a dimostrazione di come ogni piccola innovazione
fosse condivisa in breve tempo dai migliori artigiani della zona.

 

Paletti PMZ (Paletti, Mattioli, Zanasi), modello "Lightning" 1980 / Foto Frameteller

 

In 43 anni di attività i modelli Paletti, tutti numerati, si caratterizzano per qualità del telaio e componentistica, precisione esecutiva, design ricercato e grafica originale, nella vasta gamma si distingue il Meteor strada e pista, oggi molto ricercato dai collezionisti, per questo modello Paletti disegno e fece realizzare dalla ORIA tubi speciali con una originale forma incavata, successivamente usati anche da Walter Dosi per il suo modello Futura nel 1975.

Etichetta tubi ORIA in acciaio Molibdeno realizzati su disegno di Luciano Paletti. 

paletti-oria-acciaio

Paletti strada Meteor, tubi Oria su disegno originale di Luciano Paletti.

Paletti modello Meteor

IMG_20180313_225735_097 IMG_20180313_225904_964 IMG_20180313_225922_423 IMG_20180313_225945_339

gamma paletti meteor

Paletti Prestige / Foto: Hilarystone.com

Paletti modello Prestige

Prototipo per telaio da strada - design di Luciano Paletti.
Progetto PMZ, società fondata da Paletti con i soci Mattioli e Zanasi.
In seguito alla chiusura della PMZ Mattioli e Zanasi aprirono prima la MAZA
e successivamente la Emmezeta, ancora in attività.
Foto: Archivio Paletti

Prototipo Luciano Paletti

Prototipo Luciano Paletti

Prototipo Luciano Paletti

paletti-prototipo paletti-prototipo2

Evoluzione del prototipo al quale sono state aggiunti i cavi passanti
all'interno del tubo diagonale e i fazzoletti in acciaio
per rendere una migliore resa aerodinamica / 
Foto Cicli Berlinetta Berlino

unnamed-1 unnamed-2 unnamed-3 unnamed-4 unnamed-5

Già dalla metà degli anni '80 le bici Paletti erano richieste in Cina, Australia e USA, oggi il negozio officina è guidato dal figlio Michele insieme alla mamma Giuliana e, dopo 43 anni dalla prima bici di Luciano, è ancora una azienda artigiana di altissimo livello, protagonista nel mercato globale per qualità, assistenza professionale e valore umano.

 

Paletti pista con congiunzioni Nervex / Foto Lori Casolari

Paletti pista Paletti pista Paletti pistaPaletti pista modello Oro 2000 / Foto: Loris Casolari

Paletti Super Prestige 10° Anniversario. Gruppo Campagnolo pantografato e bagnato in vero oro / Foto: Gianni Mazzotta per Frameteller.

Freni pantografati Paletti con bagno in oro.

Bicicletta Paletti Super Prestige 10° Anniversario. Pipa pantografatia con bagno in oro.

Paletti strada modello Prestige White Laser / Foto Catalogo Paletti.

Paletti Prestige White Laser

Paletti strada modello C Record / Foto Catalogo Paletti.

Paletti C Record

Paletti strada primi 1982 / Foto: Corsa Lunga

paletti road bike paletti-road-bike

Paletti Crono Los Angeles 1985 / Advertising Paletti

1985 Paletti

Paletti Strada Victory Corsa Classic 1983 / Advertising Paletti

PALETTI

Telaio Paletti strada, modello "Concord" realizzato con tubi Columbus "Multishape"

Paletti multishape s-l1600-12 s-l1600-11 s-l1600-7 s-l1600-6 s-l1600-5 s-l1600-4 s-l1600-3

 Paletti "Ghibli", tubazioni Oria Cromo Mannesman, forcella Columbus Air 26". Fine anni '80.

Paletti strada saldata a TIG

 

La passione per lo sport.

Nel 1997 il figlio Michele entra ufficialmente in officina dove oltre al padre lavora anche la madre Giuliana e un telaista. Michele già a 8 anni aiutava il padre a smontare le bici dei clienti (allora era uso comune per i corridori riverniciare il telaio ogni anno) e a 13 anni già assemblava i telai. All'esperienza in officina aggiunge quella agonistica prima come allievo e juniores vincendo ben tre tricolori nel 1982 e 1985, poi come professionista nel team Ariostea, fino alla partecipazione al Tour de France con la Mapei e la convocazione nella nazionale azzurra ai Mondiali.

Luciano e il figlio hanno infatti sempre accompagnato all'amore per la progettazione della bicicletta la passione per il ciclismo agonistico, nel team Cicli Paletti Riccardo Riccò conquistò il tricolore Junior nel 2001 e Luciano stesso rivestì negli anni '80 l'incarico di tecnico regionale di ciclocross, inventandosi anche una pista naturale sui prati di fronte all'officina. Paletti ha messo tanti giovani sui pedali, tra i quali anche l'olimpionico di Los Angeles 1984 Claudio Vandelli portandolo a livello nazionale. Tre mesi prima della sua scomparsa Luciano Paletti ha fondato la ASD Simec Fanton Cicli Paletti, squadra di allievi che raduna ragazzi della fascia pedemontana modenese tra i 15 e i 16 anni.

 

Luciano Paletti nella sua officina

IMG_1862

L'officina paletti, oggi diretta dal figlio Michele. Foto: Frameteller

L'officina paletti, oggi diretta dal figlio Michele.

officina-paletti-framebuilder-machine

Luciano Paletti in azione, 1962 / Foto Archivio Paletti

Paletti Luciano, 1962

Michele Paletti e Pantani al Giro d'Italia del 1991  / Foto Archivio Paletti

Paletti e Pantani al Giro d'Italia del 1991

Michele Paletti, team Mapei, 1994  /Foto Archivio Paletti

Michele Paletti, team Mapei, 1994

Rene Arnaux  /Michele Paletti, team Mapei, 1994  / Foto Archivio Paletti

Rene Arnaux

1985 Vandi con la maglia di leader nel giro del Trentino su una delle prime bici Paletti in carbonio con congiunzioni in alluminio prodotta dalla Alan. / Foto Archivio Paletti

paletti

 

 


VIRGINIA

 

Cicli Virgina di Orazio Grenzi / Biciclette su misura / Modena, Italia / 1962 - In attività


Fonti: intervista a Palmieri Marco, nipote di Orazio Grenzi e attuale titolare della Cicli Virginia


Invenzioni: sistema di fissaggio al tubo per il cavo del freno posteriore / bloccaggio pinze freni interno al telaio / fissaggio del deragliatore anteriore direttamente al telaio


Ha collaborato con: Paletti, Giuseppe Pelà


La storia di Orazio Grenzi, talentuoso e creativo costruttore artigiano di biciclette, purtroppo scomparso qualche anno fa, ce la racconta il nipote Marco che a 9 anni era già in officina con lo zio, poi corridore dilettante fino al 1985 quando ne ha rilevato l'attività.

In fuga dal 1962.

Orazio Grenzi inizia da giovanissimo a lavorare presso alcune botteghe artigiane di biciclette modenesi. Nel 1962, raggiunta la necessaria esperienza, apre la sua officina, nella quale per tutta la carriera ha costruito biciclette esclusivamente su misura.

Il marchio "Virginia", che in realtà è il nome della madre, appare sulle bici qualche anno più tardi. Come altri artigiani della zona come Luciano Paletti e Licino Marastoni, con cui ha anche collaborato, si è distinto dalla media sia per la qualità dei telai che per il livello di sperimentazione. Uno di quei costruttori che in officina erano sempre alla ricerca di una nuova soluzione per migliorare le prestazioni del telaio in acciaio.
Tra le invenzioni originali che oggi possiamo ancora ammirare sulle sue biciclette c'è il particolarissimo sistema di fissaggio al tubo orizzontale del cavo freno posteriore, realizzato con speciali asole in acciaio saldate al tubo che fermano una molla in alluminio per bloccare la guaina. Fù probabilmente il primo a saldare il deragliatore anteriore direttamente al telaio oltre a creare il bloccaggio delle pinze freno all'interno del telaio senza bullone, prototipi ripresi nello stesso periodo e in modo leggermente diverso, anche da Marastoni e successivamente presenti nei primi modelli costruiti per Luciano Paletti. La maggior parte dei telai sono costruiti con la scatola del movimento centrale realizzata da Giusppe Pelà.

Orazio Grenzi e Luciano Paletti

La storia di Grenzi si intreccia più volte con quella di un altro grande artigiano modenese, Luciano Paletti, il quale ha imparato prima da lui e poi da De Rosa i segreti del mestiere.
È sempre Grenzi a costruire telai per Paletti dal 1972 al 1975 quando, chiamato dall'imprenditore Eugenio Rampinelli (vedi Cobra&REG by Roto) a dirigere la 2T Tecnotelai di Bologna, vende l'officina di Vaciglio (Modena) proprio a Luciano che per qualche anno marcherà i telai con la doppia firma Grenzi/Paletti.
La contaminazione creativa tra i due artigiani continua anche dopo, anzi è proprio grazie al passaggio dell'attività che Paletti entra in contatto con il sig. Ognibene, l'ingegnere modenese che aveva collaborato con Grenzi nella realizzazione delle sue invenzioni e che sarà poi l'artefice della complessa ingegnerizzazione dei brevetti dei freni interni e dei cavi interni al telaio di creati da Paletti.

La 2T Tecnotelai, che è stata la prima azienda al mondo a costruire biciclette da competizione in serie, chiude qualche anno dopo per problemi economici. Grenzi torna quindi a Modena per riaprire la sua officina dove continuerà a costruire telai fino al suo ritiro nel 1987, lasciando al nipote Marco l'attività.

 

Fregi Grenzi/Virginia in ordine cronologico da sinistra a destra.

fregi grenzi fregi grenzi2


 

Paletti strada 1971 con la doppia firma Virginia/Paletti.
Congiunzioni Nervex.

Dettaglio congiunzioni primi anni 70 

Virginia Super Specialissima 1968/70
Grenzi fù uno dei primi a trovare una soluzione per fissare la guina direttamente al telaio,
il sistema originale, ma non brevetettato, prevedeva molle ottenute per fusione che alloggiano all'interno di due asole saldate al tubo del telaio.
Questa soluzione fu adottata anche sui telai costruiti per Paletti.

VIRGINIA GRENZI SUPER SPECIALISSIMA ROAD BIKE

dsc_0212virginia-super-bici-road-bike-grenzi-2

dsc_0087 dsc_0130 virginia-super-bici-road-bike-grenzi

Il primo (o uno dei primi) tentativo di deragliatore anteriore saldato direttamente al telaio.
Una soluzione simile fu realizzata anche da Marastoni.
Nel 1978 Luciano Paletti brevettò un sistema che permetteva la regolazione dell'altezza del deragliatore,

idea ripresa e brevettata da Tullio Campagnolo.

grenzi-virginia-bici-telaio-columbus-eroica6

grenzi-virginia-bici-telaio-columbus-eroica3

grenzi-virginia-bici-telaio-columbus-eroica5Evoluzione del deragliatore anteriore saldato al telaio
da sinistra a destra: brevetto Campagnolo a fascetta,  prototipo Grenzi, brevetto Paletti, brevetto Campagnolo a saldare.

grenzi-virginia-bici-telaio-columbus-eroicaIl sistema di bloccaggio delle pinze  freni  interno al telaio, sistema applicato da Orazio Grenzi e poi ripreso anche da Marastoni
ma già esistente fino dagli anni '30.

dsc_0044grenzi-virginia-bici-eroica-campagnolo2grenzi-virginia-bici-eroica-campagnolo3Originale disegno del bloccaggio a brugola per le pinze dei freni. 

grenzi-freni-campagnolo-virginiaReggisella forato il passaggio in linea il cavo del freno. Sella Cinelli Unicanitor in pelle.

grenzi-campagnolo-reggisella-virginia grenzi-campagnolo-reggisella-virginia2

grenzi-virginia-coda-rondine-forcelliniForcellini a "coda di rondine"

virginia-campagnolo-titanio-super-record

virginia-campagnolo-titanio-super-record2 virginia-campagnolo-titanio-super-record3

dsc_0073dsc_0107 dsc_0230

dsc_0097 dsc_0124  

Virginia strada 1969 marcata Paletti. Scatola movimento Giuseppe Pelà. / Foto RD

Virginia strada costruito con congiunzioni Pelà

Virginia pista, congiunzioni 2T Tecnotelai Bologna

Virginia strada 1969. Scatola movimento Giuseppe Pelà.

Telaio Virginia Course, primi anni '70 / Foto bg.legendary.bikes

 

virginia-grenzi

virginia-grenzi2

virginia-grenzi5

Virginia strada anni '70, telaio con testa forcella e scatola Pelà / Foto da RD

Virginia Competition  primi '80 / Foto Emanuele Biondi

virginia-bike-1

orazio-grenzi3

virginia-bike-2

orazio-grenzi4

virginia-bike-4 

Passacavi saldati al tubo diagonale, soluzione ripresa anche da Marastoni negli stessi anni.

virginia-bike-9

orazio-grenzi2 

orazio-grenzi1

Virginia Competition strada fine anni '70 / Foto Frameteller.
La testa dei forcellini posteriori in queste anni prende una forma lunga e arrotondata
che diventa un ulteriore elemento di riconoscibilità dei telai costuiti da Grenzi.

bici intera2

cambio1 forcella1 forcella2 forcellini1 guarnitura6 mozzi2 pipa telaio11   cerchi2

Virginia Specialissima 1985 / Foto Frameteller
Uniche le decorazioni a rilievo sui foderi della forcella e le congiunzioni arabescate.

intera5Virginia SLX primi anni '80

telaio2telaio

forcella7Particolare decoro in rilievo sui foderi della forcella

tubo sterzo2Congiunzioni arabescate lavorate a mano

tubo sterzo

forcella3

focellino2

forcellini posteriori2Tipica testa dei foderi posteriori superiori nei telai di Grenzi negli anni '80.

forcellini posteriori

scatola7